20 Settembre 2014 – Calcata Celtic Festival – Calcata (VT)

Sabato 20 Settembre 2014 dalle 17 a mezzanotte saremo a Calcata (RM) per il Calcata Celtic Festival.

Aggiornamento:

Le InSolite Cose al Calcata Celtic Festival 20 settembre 2014 (1)

Le InSolite Cose al Calcata Celtic Festival 20 settembre 2014 (2)

 


Visualizza 01030 Calcata Vecchia VT, Italia in una mappa di dimensioni maggiori

Visita la pagina ufficiale dell’evento per maggiori dettagli

 

le InSolite Cose al festival Celtico di Calcata - 20 settembre 2014

 

L’associazione culturale Misty Flip, il Comune Di Calcata, lo staff del City of Rome Celtic Festival, l’associazione Commercianti Calcata, The green night events, radio On AIRish, Irlandando.it ed Il Gerbillo Furioso sono orgogliosi di presentare il
CALCATA CELTIC FESTIVAL 2014
Sabato 20 Settembre

::::::::::::::::::::::::::::::

Featuring:

.:. Gabriele Possenti
.:.Maurizio Lollo & Roberto De Luca Duo
.:.Etnoarmònia
.:.Finnegans Wake
.:.Onydanse by Francesco Monti
.:.Daniele Bicego
.:.Antica Damsha
.:.M’in am Ará
.:.Beatrice De Simone
.:.Mountain Waves (ft. Luca Sulcanese, Giuseppe Marcello and Vittorio Nolletti)
.:. Giuseppe “Pino” Porsia and Giuseppe D’aucelli Duo
.:. Adriano Sangineto

::::::::::::::::::::::::::::::

57 stands di artigianato locale e celtico presenti per tutta la giornata

::::::::::::::::::::::::::::::

Quando?
Sabato 20 settembre
Dalle ore 16:30 fino alle 01:00

Quanto costa?
Ogni Evento musicale è totalmente GRATUITO
::::::::::::::::::::::::::::::

Il festival sarà ospitato nel magico borgo medioevale di Calcata, a pochi km da Roma, arroccato su di una montagna di tufo che domina la verde valle del fiume Treja

Per questa edizione, ci saranno ben 12 punti disseminati per il borgo dove altrettante realtà nazionali ed internazionali della musica irlandese, bretone, galiziana tradizionale si esibiranno durante tutto il corso della giornata.

A fare da colore ulteriore alla nostra amata musica, la bellezza di quasi 60 stand di artigianato locale e celtico che ci terranno compagnia per tutta la serata fino allo spegnimento delle candele che saranno accese per tutta la manifestazione a notte inoltrata (chi volesse prenotarli è pregato di contattare il nostro Stand Manager Emanuele Papella aggiungendolo tra gli amici e inviandogli un msg o chiamandolo al numero 3201940891 !)

Il 20 Settembre 2014, l’associazione culturale Misty Flip, l’associazione commercianti Calcata con il patrocinio del Comune Di Calcata e la collaborazione della The green night events, lo staff del City of Rome Celtic Festival, Metacontemporanea, On AIRish, Irlandando.it e Il Gerbillo Furioso, porteranno le magiche atmosfere della musica tradizionale dei popoli dei paesi di area celtica in uno dei paesi più suggestivi della nostra Penisola, la magica Calcata, a 40 minuti da Roma

“Disseminati” per tutto il borgo, il pubblico del festival avrà modo di ascoltare 12 tra gli ensemble e solisti più apprezzati interpreti della musica irlandese, galiziana, bretone, scozzese e normanna, visitare i circa 60 stand di artigianato locale e celtico che coloreranno tutto il paese, visitare i negozi di artigianato locale e non, prendere un the o fermarsi a gustare le prelibatezze dei ristorantini tipici del posto.

All’entrata del paese, verrà distribuita una mappa dove saranno indicati tutti gli slot musicali con i rispettivi orari di inizio dei nostri artisti (ci sarà musica dal vivo dalle 17:00 a mezzanotte) che a giro, si esibiranno per tutto il paese, nelle piazze e nei vicoli più suggestivi

1) Gabriele Possenti

Gabriele Possenti ha affinato un suo stile personale legato alla tradizione musicale celtica ed alla chitarra celtic style. Dimostratore Italia delle famose chitarre irlandesi Mcilroy è stato nominato nel 2012 artista del mese dalla celebre K&K Sound Artist of the mounth. Ha vinto nel 2004 il primo premio al prestigioso “New Sound of Acoustic Music” concorso dedicato alle migliori nuove proposte della chitarra acustica in Italia nel contesto dell’Acoustic Guitar 7° International Meeting di Sarzana (SP). Collabora con Guitar Pro 6 e ha recentemente pubblicato edito da Fingerpicking.net il suo secondo CD “Tracce di sentiero viaggio negli Appennini dei miei sogni” e il suo libro “Celtic Dances for Guitar” contenente cinque Irish, Scottish, e English tunes con CD allegato. Sono presenti su YouTube diversi suoi video molto visualizzati. Ha studiato presso i Conservatori di Perugia e Pesaro, dove si è diplomato nel 1994, perfezionandosi poi in chitarra acustica presso l’Accademia musicale Lizard di Fiesole (FI) dove si è diplomato nel 2005 con il massimo dei voti lode e menzione speciale. Svolge attività concertistica anche in ambito teatrale, lavorando con numerose compagnie fino ad arrivare alla collaborazione con Paola Gassman e Ugo Pagliai. Nel 2012 entra a far parte dello storico gruppo progressive Agorà, gruppo che nel corso degli anni Settanta si afferma nel panorama internazionale del “Progressive” con gli album Live in Montreux, Atlantic 1975 e Agorà 2, Atlantic 1978. con il quale registra “Ichinen” il terzo disco della band presentato in anteprima a Musicultura Fesival 2013 Gabriele suona con una Mcilroy ASP 25 Nel 2008 e nel 2010 è stato invitato ad aprire la VI e VIII edizione del Montelago Celtic Festival manifestazione di risonanza internazionale, con il patrocinio dell’ambasciata d’Irlanda in Italia. Condividendo il palco con gruppi di fama internazionale come : Birkin Tree, Gràda e Kila. Nel 2011 e 2012 ha partecipato al PiorAcoustic Guitar Festival e al Ferentino Acustica Festival condividendo il palco con artisti come Alex De Grassi, Stefan Grossman e Peter Finger. È stato invitato in importanti festivals e music clubs tra i quali : Montelago Celtic Festival, Six Bars Jail Firenze, Ferentino Acustica, Open strings Festival Germania, PiorAcoustic Festival, Les Guitarres de l’Esploir France

2) Giuseppe “Pino” Porsia e Giuseppe D’Aucelli Duo

esplorano le radici più profonde della musica tradizionale irlandese con un repertorio tutto strumentale. Danze e arie tradizionali eseguite con flauti (irish flute e tin whistle) e cordofoni ( bozouki, banjo tenore e chitarra) per un viaggio nella vera irlanda musicale

3) Antica Damhsa Duo

Condividendo entrambi la passione per la musica tradizionale irlandese e scozzese, è stato naturale formare un duo per il semplice gusto di ricercare, ricreare e reinterpretare quelle sonorità pure delle antiche danze d’Irlanda e di Scozia, così come delle ballate che tramando ancora oggi lo spirito delle culture celtiche, un modo per suonare musica che, servendosi solo di strumenti acustici e tradizionali, riesce ancora ad essere a dimensione dell’uomo e della Natura. Il progetto Antica Damsha cresce per assorbire sempre al meglio il linguaggio della musica tradizionale e riportarlo nei migliori contesti live d’Italia.

4/5) Etnoarmònia

Un viaggio alla scoperta di tracce melodiche lasciate in tempi e spazi remoti. Melodie erranti che hanno contaminato e sono state contaminate da uomini, terre e culture. Dalle dolci colline d’Irlanda ai severi paesaggi balcanici, dalla brughiera Scozzese alle affilate cime nordamericane, un piacevole racconto a ritroso nel tempo alla ricerca delle origini delle danze e delle melodie ancestrali che vede intrecciarsi il passato e la modernità , i suoni antichi ed evocativi di violini, flauti, cornamuse e percussioni che si fondono con l’attualità del pianoforte elettrico, della chitarra acustica e del contrabbasso. Formatosi nel 2009, il quintetto attuale e’ il risultato di una serie di incontri, collaborazioni, partecipazioni che nel tempo hanno indirizzato il repertorio verso un sound a cavallo tra l’etno-jazz e la folk music di inspirazione celtica, la word music e la contemporanea. Il gruppo si è esibito in numerose manifestazioni e stagioni concertistiche, teatri, jazz clubs e festival internazionali riscuotendo unanimi consensi. E poi, inesorabilmente, i piedi cominciano a muoversi spinti dall’incalzare delle gighe e delle reels.

Per questa edizione del Festival, gli etnoarmonia si spartiranno due postazioni diverse per esibirsi nelle formazioni più disparate in duo, trio, mischiandosi armonicamente anche con gli altri partecipanti al festival per dare un tocco di colore magnifico che colorerà ancora di più l’atmosfera magica di Calcata. Uno spettacolo veramente unico

6) Beatrice De Simone

Una delle nuove rivelazioni dell’arpa celtica nella penisola. Nonostante la giovane età, Beatrice ricopre giù un ruolo importante tra le nuove generazioni di Arpiste Celtiche in Italia ed è sicuramente una delle grandi promesse di questo strumento, dote che ha già potuto esprimere al pubblico con i suoi progetti (Grafton street in primis) e convocazini da turnista per alcuni già conosciuti ensemble di musica celtica Italiana.

7) Onydanse

Il gruppo “Onydanse” (ex “De li soni e de li balli”) nasce a Roma nel 2009 per iniziativa di Raffaele Mallozzi con l’intento di proporre un repertorio di musica tradizionale da ballo che spazia dalle danze italiane a quelle del folklore europeo in genere. Da diversi anni assistiamo a un crescente interesse per le danze popolari: accanto al saltarello, alla tarantella e alla celebre pizzica salentina (che in Italia ha fatto in parte da apripista), esiste un grande repertorio meno conosciuto, ma ugualmente affascinante e il concerto del gruppo “Onydanse” è un’ occasione per conoscerlo e apprezzarlo. Valzer, mazurka, scottish e polka si alternano nel corso della serata a balli in cerchio o d’ensemble, quali gavotte, chapelloise, bourrée, circoli circassiani e danze bretoni accompagnati dal suono di violino, organetto, ghironda, bombarde, cornamuse, clarinetto e chitarra.

8) Finnegans Wake – Irish Folk Music

Strada o Pub non fa differenza, Purché ci siano birra, sidro e tanta allegria per ricreare l’atmosfera unica della terra di Smeraldo. I Finnegans Wake accompagni balli, i brindisi e l’allegria della scena del centro Italia, suonano un centinaio di date l’anno tra pub, locali e festival con un vasto repertorio di Set della tradizione Irish, che va dalle più indiavolate polkas alle tipiche pub songs. Il gruppo adatto per conoscere qualcosa di più della terra di smeraldo e per perdersi tra le melodie di un tema antico, per ballare con una pinta che ti aspetta sul tavolo o per salutarsi con una commovente Parting Glass, tutto per un motivo unico. La voglia di essere felici.

9) M’in am Ará (in collaborazione con il magnifico Eire – Festival Internazionale di Musica Irlandese – Bondeno, che vi invitiamo ad andare ASSOLUTAMENTE a visitare!!! https://www.facebook.com/pages/EIRE-La-Festa-dei-Suoni-dIrlanda/126199954081124?ref=ts&fref=ts )

Nel 2009, Federica Minarelli (voce, bodhrán, tin whistle, mandolino) decide di darsi alle percussioni, giacché da sola non riesce a fare abbastanza casino. Dato che ama l’Irlanda per la sua storia, le sue tradizioni e la sua musica, decide di darsi allo studio del bodhrán da autodidatta. Inizia, quindi, a suonare con Beatrice Soriani nel duo Pangur Bán (folk irlandese, ballads e pub songs). Il duo partecipa al Ferrara Buskers Festival 2012 e a svariati eventi musicali ad Imola (BO), come “Imola in musica”, e Cento (FE). Dal 2014 inizia a studiare canto con Silvia Testoni. Dopo lo scioglimento del duo, capita nel febbraio 2014 che a Federica si presenti la proposta di suonare in un locale per festeggiare San Patrizio. Le servono, quindi, almeno un’altra voce e un altro strumento. Per la voce si rivolge ad Angela Angie Maran che accetta di mettersi in gioco. Angela comincia cantare nel 2000 nel coro femminile Calicantus e collabora negli anni successivi a moltissimi spettacoli teatrali e musical tra cui “The Rocky Horror Show”, “Jesus Christ Superstar”, “Hair” e “Carmen – Il musical”. Canta per un breve periodo con il gruppo rock Ritardo Cronico e partecipa a innumerevoli performance con il duo La Vie Bohème, fondato insieme alla stessa Beatrice Soriani che cantava con Federica. All’appello manca però ancora uno strumento. Come fare? Si cerca un chitarrista, chiaramente. Chitarrista che però può suonare solo per la sera di San Patrizio per cui alla successiva proposta di serata Federica ed Angela sono da capo. Si rivolgono, quindi, a un secondo chitarrista, ma la storia continua a ripetersi e così anche all’uscita successiva devono essere accompagnate da una terza persona. Per il Calcata Celtic Festival chiedono aiuto a Maurizio Colletti (chitarra). Maurizio, con la sua decennale esperienza come musicista eclettico, suona nel gruppo folk Les Irlandiis Irish Folk Band e nel gruppo M Colletti Musica d’autore in cui si occupa anche di banjo, mandolino, basso.

10) Daniele Bicego

Comincia a studiare musica al conservatorio come studente di corno e, ottenuto il diploma nel 1995, per diversi anni collabora con orchestre sinfoniche (RAI di Milano, Teatro alla Scala, Teatro Comunale di Firenze, Orchestra A.Toscanini di Parma, Teatro San Carlo di Napoli, G. Mahler Jugendorchester Wien ed altre).
Scopre in seguito la musica irlandese grazie ad un disco della Bothy Band ed inizia a suonare Uilleann Pipes e altri strumenti tradizionali come flauti, whistles, bouzouki. Collabora con formazioni folk e di musica antica ma soprattutto con gruppi di musica Irlandese per concerti e incisioni, tra cui noti musicisti italiani ed internazionali (come Michael McGoldrick, Tiarnan O Duinnchinn, Nuala Kennedy, Oisin Mac Diarmada, Vincenzo Zitello…)
E’ attivo anche come costruttore di cornamuse, dedicandosi in particolare a quella irlandese e, più recentemente, alle cornamuse tradizionali del Nord Italia (musa, piva, baghet). Su queste ha altresì effettuato un accurato lavoro di misurazione sugli strumenti originali, ai quali ha dedicato un paio di pubblicazioni sulle pive emiliane nel periodico “La Piva del Carnèr”. Inoltre ha scritto il paragrafo riguardante la musica irlandese in Italia sulla “Rogue Guide of Irish Music” pubblicata dalla Cork University Press.
Con il trio Lampetròn (musica delle 4 province) ha suonato al Festival Interceltique de Lorient e in altri festival in Spagna, Francia, Andorra.
Lo aspettiamo a Calcata con la sua “collezione” di pipes per regalare a tutti le forti vibrazioni della sua musica.

11) I Mountain Waves sono un gruppo Abruzzese di musicisti accomunati dalla grande passione per la musica Irlandese tradizionale, intendono diffondere e far conoscere questo genere meraviglioso e portare, primi in Abruzzo , la bellissima tradizione Irlandese della “session”, ovvero un momento di convivialità, aggregazione e allegria, in cui si può ascoltare musica, suonare, cantare, bere una birra e perché no, anche ballare al suono delle trascinanti ‘tunes’ dell’Isola di Smeraldo. Formazione: Giuseppe Marcello: bodhrán Vittorio Nolletti: fiddle Chitarra Luca Sulcanese: uilleánn pipes, whistles, irish bouzouki

12) Maurizio Lollo & Roberto De Luca Duo

Veterani della chitarra acustica, i due musicisti provengono dalla vasta fucina di Fingerpicking.net, certamente la più grande comunità virtuale di chitarristi acustici al momento presente in Italia. Entrambi intraprendono la strada della chitarra dalla fine degli anni Settanta, quando la presenza in Italia di importanti artisti di area anglosassone quali Stefan Grossman, Duck Baker, John Renbourn e la contemporanea attività didattica della nascente Accademia Lizard di Giovanni Unterberger cominciano a coagulare l’attenzione di un’intera generazione di chitarristi, che si accostano progressivamente alla tecnica fingerstyle incrociando inevitabilmente lo sterminato patrimonio musicale di area celtica proposto da questi coraggiosi divulgatori. Entrambi hanno partecipato a importanti rassegne italiane dedicate alla chitarra acustica quali l’Acoustic Guitar Meeting di Sarzana (SP) e il Ferentino Acustica Festival (FR), segnando anche alcune presenze su produzioni discografiche dell’etichetta fingerpicking.net. Maurizio Lollo è certamente più legato ai modelli della musica irish e celtica trasposti sulla chitarra in tecnica fingerstyle e riproposti in veste per lo più tradizionale. Roberto De Luca ha seguito un percorso più composito, partendo dal punto di riferimento della chitarra fingerpicking di Franco Morone e pertanto applicando tecniche fingerstyle di derivazione irish a curiosi arrangiamenti e contaminazioni, che acquistano un “celtic sound” anche al di fuori dei generi tradizionali. I due musicisti incroceranno le rispettive esperienze presentando in duo alcune rivisitazioni di alcune celebri melodie della tradizione celtica, oltre a proporre singolarmente qualche esempio dei rispettivi stili esecutivi.

13) Adriano Sangineto

Adriano Sangineto:
nato e cresciuto nell’ambiente della liuteria paterna, Adriano si forma come musicista venendo a contatto con personalità di spicco della cultura popolare internazionale, come Alan Stivell, Carlos Nunez, i Chieftains e altri. Appassionato degli strumenti popolari in generale, esprime un eclettismo musicale in svariati ambiti musicali, dalla musica antica a quella moderna, passando per la musica classica, il new age, il pop, e rivalutando la musica popolare italiana ed europea con arrangiamenti originali. Adriano suona numerosi strumenti a fiato e a corda e si specializza in clarinetto al conservatorio di Milano e in arpa celtica compiendo degli studi da autodidatta. Impegnato nella costante ricerca di nuove sonorità, ha sviluppato una tecnica personalizzata che trasforma l’arpa celtica in uno strumento di grande coinvolgimento stravolgendo ogni connotazione. Adriano, grazie all’approfondimento della composizione classica in conservatorio a Milano e alla sua coniugazione con la cultura musicale popolare, compone brani per numerose destinazioni, colonne sonore, attività teatrali, pubblicità.
Nel 2012 ottiene un riconoscimento al “Golfo dei Poeti film festival” di Lerici come compositore della migliore colonna sonora tra i cortometraggi in gara.
Arpa Creativa è il titolo del primo album solistico, uscito nel 2012, preso dall’omonimo spettacolo volto a dimostrare la versatilità dell’arpa celtica.
Nel 2014 esce il secondo album solistico, pubblicato da Rox Records, “Arpacadabra”, in cui propone un’arpa ritmica che invita a ballare su svariati tipi di danze europee attraverso un ritmo molto marcato e coinvolgente.
Insieme alla sorella gemella Caterina, forma l’Ensemble Sangineto con cui si dedica alla musica popolare irlandese e italiana con arpa celtica e salterio. Tre sono le uscite discografiche del gruppo, “Altea Rosa” (2006), “On A Silver Cloud” (2013) e “seministerra” (2014). Nell’estate 2014 l’Ensemble Sangineto fa una tournée europea (Italia, Spagna, Belgio e Francia) ottenendo numerosi consensi dal pubblico internazionale e espliciti apprezzamenti da stampa e emittenti radiofoniche.

Come se non bastasse tutta questa grazia di grandi musicisti, il festival sarà colorato e allestito dai ben 57 Stand di artigianato locale e Celtico che daranno un tocco in più a tutta Calcata

A breve vi segnaleremo i parcheggi a calcata che riserveremo per tutte le macchine che arriveranno (grazie alla preziosissima collaborazione con la Protezione Civile di Calcata ed i Vigili Urbani, che stanno lavorando alacremente con tutti noi per la magnifica riuscita del tutto)

All’entrata del paese, verrà distribuita una mappa dove verranno segnalate le zone dove troverete i nostri musicisti all’opera con i relativi orari (dalle ore 17:30 alle ore 00:00) e alcune altre importanti note (dove mangiare, gli artigiani che esporranno, le mostre inerenti il festival, dove bere, i bagni e tutto quello di cui potrete avere bisogno).

Sono presenti ancora alcuni slot per gli standisti che vorranno partecipare al festival ( contattate il nostro capo standista Emanuele Papella su facebook o l’organizzazione tramite Paolo Alessandrini ai contattihttps://www.facebook.com/emanuele.papella oppure www.facebook.com/paolo.alessandrini ) e c’è la possibilità di diventare sponsor con i propri loghi sui flyer, sui poster e sulle mappe.

Per le ultime notizie, chiunque potrà seguire lo sviluppo del festival nella pagina dell’evento on line https://www.facebook.com/events/945879285437463 , sulla pagina https://www.facebook.com/sinestesia.live e su www.facebook.com/musicaceltica

—- SPONSOR CORNER —-

se volete apparire con il vostro logo sui poster con i quali invaderemo una buona parte del territorio laziale o sulle mappe del paese che distribuiremo all’entrata dell’evento, siete pregati di contattare Gianluca Aphel ai numeri 0761/588068 o 335/6682776 e parlare direttamente con lui

————————–————-

Restate sintonizzati per altre notizie, per le anteprime dei musicisti che si esibiranno e per altre news!!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.